Se hai bisogno di maggiori informazioni o hai voglia di conoscerci, passa a trovarci o chiamaci! Ti aspettiamo

011500783

info@riabilitazionesafi.it

via Cristoforo Colombo 51, 10129 Torino

  011.500783 |  info@riabilitazionesafi.it |  via Cristoforo Colombo 51, Torino

Top

Tecarterapia: un po’ di storia

La Tecarterapia, comunemente chiamata semplicemente Tecar, è un trattamento fisioterapico nato per la prima volta nel 1890 dal medico francese Jacques Arsène d’Arsonval, a cui seguirono altri studi ad opera di William Beaumont, il quale inventa nel 1939 il primo dispositivo elettromedicale usato per questa terapia. Il termine ‘Tecar’, invece, è stato coniato solo nel 1995. La Tecarterapia prevede l’utilizzo di un dispositivo che genera calore utilizzato prevalentemente nella cura di traumi e patologie infiammatorie. Ogni seduta ha una durata media di circa 20-30 minuti.

EFFETTI

I benefici della Tecarterapia dipendono dalla quantità di energia che il dispositivo eroga. In generale, però, ha 3 effetti benefici sull’organismo, quali l’aumento del microcircolo, che serve a migliorare la circolazione sanguigna nei capillari o nei vasi di piccolo calibro, la vasodilatazione e infine l’aumento della temperatura interna del tessuto interessato.

INDICAZIONIa

La Tecarterapia viene spesso utilizzata sugli anziani, sugli individui affetti da particolari forme di artrite, sui tessuti con edema, per le fibrosi tissutali, la rigidità articolare e il linfedema. Inoltre è spesso usato nel recupero da infortuni come distorsioni, tendiniti, borsiti, traumi ossei, stiramenti muscolari, miositi, sciatalgie e lombalgie. Infine è molto indicata per la riabilitazione post operatoria e per le forme di dolore acuto e cronico.

VANTAGGI

La Tecarterapia è spesso usata in quanto è una tecnica molto precisa e permette un trattamento diretto sul tessuto lesionato. Inoltre i risultati sono visibili in un lasso di tempo relativamente breve ed ha un’efficacia anche sui tessuti più profondi.

CONTROINDICAZIONI

Non presenta particolari controindicazioni, ma è necessario usare massima precauzione nei confronti dei soggetti portatori di pacemaker, negli individui insensibili alle alte temperature e durante la gravidanza.

TRATTAMENTO

La Tecarterapia è una terapia basata sul calore: si realizza con un massaggio praticato tramite un dispositivo in grado di ridurre il dolore e riparare eventuali danni ai tessuti stimolando la produzione endogena di calore.
Il dispositivo Tecar può lavorare sia in modalità capacitiva che in quella resistiva. La prima è utilizzata per trattare i tessuti molli, come muscoli, cute, tessuto connettivo, vasi sanguigni e linfatici. La seconda, invece, è maggiormente usata per tessuti resistenti quali ossa, cartilagini, articolazioni, tendini e legamenti.
Una seduta classica di Tecarterapia consiste nel posizionamento iniziale della piastra fissa sul lato del corpo opposto alla zona da trattare e nell’applicazione di un gel sulla parte bisognosa di cure affinché venga facilitato il massaggio. A questo punto può iniziare il massaggio terapeutico vero e proprio attraverso una piastra mobile che va a scaldare direttamente il tessuto. Una volta terminato il massaggio, viene rimosso il gel con carta apposita e il paziente termina la sua seduta.
I primi effetti del trattamento sono apprezzabili dopo un ciclo di 5-10 sedute, a seconda dell’area da trattare.

Share